mercoledì 20 agosto 2014

Sottopentola 2 - il faggio

Dopo l'esperienza della volta precedente con il sottopentola, ho deciso che avrei dovuto provare un legno più duro, per vedere se le cose andavano meglio.

Un giorno mi sono trovato davanti un tagliere in faggio (di quelli classici che si trovano nei negozi) e ho voluto provare a vedere se potevo tirarne fuori qualcosa di interessante. La difficoltà nel reperire del legno adatto mi costringe a volte ad arrangiarmi come si può e così l'ho acquistato.

Non avevo assolutamente idea di quanto questo legno fosse adatto allo scopo, ma un tentativo andava comunque fatto, no?

Innanzitutto ho tagliato il legno. Il tagliere che ho acquistato era rettangolare, mentre io volevo un sottopentola quadrato.
Dopo averlo tagliato ho arrotondato gli angoli per renderli di nuovo tondi come quelli originali e quuesto è il risultato:


Non avevo un disegno preciso in testa e non ne ho progettato nessuno (infatti non troverete lo schema di questo progetto nella pagina dei disegni).
Ho disegnato lo schema direttamente sul legno con matita e righello, adattandolo secondo le idee che mi venivano di momento in momento.


Come ho iniziato ad intagliare mi sono reso conto di quello che ho letto molte volte: i legni duri sono più faticosi, ma i tagli risultano più puliti.

A parte il primo triangolo (dove ancora non avevo idea di quanta forza utilizzare durante l'intaglio), il seguito è andato abbastanza bene e con risultati più che accettabili.


Ed ecco il risultato di tutto il bordo intagliato. Purtroppo non sono riuscito ad andare proprio dritto nello scavo esterno, ma va bene lo stesso:


A questo punto mi sono fermato per un po', perché non sapevo cosa fare nella parte interna. Un rosone intagliato? Un motivo a dentelle come nel precedente sottopentola? Un altro motivo di qualche genere?
Alla fine ho deciso di provare ad usare sgorbie e mazzuolo per realizzare una stella alpina. Qui potete vedere il pezzo pronto sul supporto e con il disegno del fiore:


Questa è stata probabilmente la parte più divertente di tutto il lavoro! Sarà forse perché è il primo di questo tipo che realizzo, ma mi ha davvero soddisfatto.

Ora non resta che dare qualche mano di finitura per proteggerlo e il gioco è fatto. L'unico problema è che il tagliere da cui ho tagliato il legno per il progetto non era fatto con un unico pezzo, ma bensì formato da diversi pezzi incollati insieme.
Questo è risultato abbastanza evidente dopo l'applicazione della finitura, ma in fondo la cosa non disturba molto.

Eccovi il sottopentola prima e dopo la finitura:


Al prossimo intaglio!

Nessun commento:

Posta un commento